Il presidente del Napoli definisce il Bari seconda squadra: Decaro si arrabbia

LA NOSTRA PASSIONE MERITA RISPETTO Tra i doveri di chi detiene il titolo sportivo non c’è solo quello di mantenere in ordine i conti. C’è quell

Economia&Covid: «Garantiti alle pmi pugliesi 7,6 miliardi di prestiti»
Votare al tempo del Covid: lo studio del Policlinico di Bari
138 nuovi casi di Covid in Puglia, 17 nel Foggiano. Sono 2.566 le persone attualmente positive al virus

LA NOSTRA PASSIONE MERITA RISPETTO

Screenshot 20240207 195153

Tra i doveri di chi detiene il titolo sportivo non c’è solo quello di mantenere in ordine i conti. C’è quello, forse più importante, di rappresentare i colori di una intera città, di portare rispetto a chi ogni settimana paga il biglietto, sostiene lunghi viaggi per le trasferte o anche semplicemente soffre e gioisce davanti alla tv. Per questo trovo le parole di Aurelio De Laurentiis, che definisce il Bari come una seconda squadra del Napoli, offensive nei confronti dell’intera comunità di tifosi baresi. Con tutto il dovuto rispetto per il Napoli, non siamo la seconda squadra di nessuno.

Abbiamo una storia e una dignità che non possono essere vilipese in questo modo. Da primo cittadino e da tifoso, chiedo ad Aurelio De Laurentiis di scusarsi al più presto con tutti i baresi per questa uscita a dir poco infelice, che ferisce la nostra passione e la nostra identità.

 

Antonio Decaro Sindaco di Bari

COMMENTI

WORDPRESS: 0