Campo.121 milioni per il porto Alti Fondali

L’investimento di 121 milioni di euro sul Porto Alti Fondali di Manfredonia testimonia l’importanza di questa infrastruttura nel sistema logistico

Cgia, in Italia in 10 anni ‘persi’ 325mila artigiani
Covid: Mef, sospese multe per non vaccinati. Medici ospedalieri contro abolizione dell’obbligo mascherina
Gelato da fermentazione legumi, brevetto startup pugliese

L’investimento di 121 milioni di euro sul Porto Alti Fondali di Manfredonia testimonia l’importanza di questa infrastruttura nel sistema logistico dell’intero Adriatico.
Utilizzando efficacemente i fondi del PNRR e dello Zes Rivovery Fund, l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale restituirà piena funzionalità e sicurezza, anche sismica, all’intera struttura degradata dalla naturale corrosione. In più, sarà realizzato l’allargamento del pontile di approccio per migliorarne la capacità operativa.
Essere parte di un’autorità portuale che include più strutture e, quindi, gestisce un sistema logistico più ampio e complesso consente al Porto Alti Fondali di Manfredonia di essere destinatario di fondi e attività di sistema che altrimenti sarebbe difficilissimo intercettare e mettere a terra.
Grazie all’Autorità del Mare Adriatico Meridionale, gestita con evidente capacità dal presidente Ugo Patroni Griffi, il Porto Alti Fondali diventa ancora più centrale nella programmazione dello sviluppo economico della Capitanata e della Puglia.
È la ragione per cui, a suo tempo, provai a rompere l’isolamento dell’autorità portuale manfredoniana tanto gradito al centrodestra sipontino e romano. Una scelta che, a conti fatti, si è rivelata un freno e non un acceleratore dello sviluppo dell’infrastruttura.

 

COMMENTI

WORDPRESS: 0