Salute e ambiente al centro del prossimo congresso Aipo, dal 9-11 giugno a Bari

Salute dei polmoni e ambiente: un binomio inscindibile al centro del XXIV Congresso nazionale della Pneumologia italiana Aipo- Its, che si svolgerà pr

Italiani e rinnovabili: sì agli impianti, anche vicino casa
Manfredonia in arrivo navi da Crociera
L’associazione Le Fracchie presenta il suo programma

Salute dei polmoni e ambiente: un binomio inscindibile al centro del XXIV Congresso nazionale della Pneumologia italiana Aipo- Its, che si svolgerà presso la Fiera del Levante di Bari dal 9 all’11 giugno ed è stato presentato oggi in una conferenza stampa al ministero della Salute. In questa occasione, circa 2000 specialisti italiani e internazionali si confronteranno su una serie di patologie che presentano un alto tasso di crescita dal punto di vista demografico ed epidemiologico, con un impatto significativo sulla salute delle persone: secondo i dati pre-pandemici dell’Oms, infatti, nelle regioni europee ogni anno si registrano 43.5 milioni di casi di asma con 17mila decessi, 947mila polmoniti e bronchiti con 273mila decessi, 726mila tumori polmonari con 464mila decessi, 126 milioni casi di tubercolosi con 26mila decessi, 761mila malattie interstiziali del polmone con 25mila decesso e 41.3 milioni di Bpco, la broncopneumopatia cronica ostruttiva responsabile di 349mila decessi.

Proprio la Bpco, ha sottolineato Mauro Carone, presidente di Aipo-Its e direttore dell’Uoc Pneumatologia e riabilitazione respiratorio dell’Irccs Maugeri di Bari, “rappresenta in tutto il mondo occidentale la terza causa di morte ed è causata principalmente dal fumo di sigaretta ma anche dagli inquinanti ambientali”.

asma-inquinamento

Nel corso del Congresso si parlerà anche del ruolo dell’inquinamento atmosferico, responsabile, secondo l’Oms, di 4.2 milioni di morti premature ogni anno. Proprio per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza dell’ambiente per la salute, la Federazione italiana della pneumologia (Fip), insieme ad Aipo- Its, Sip (Società italiana di Pneumologia) e in collaborazione con Legambiente, lo scorso novembre ha piantato 300 alberi, 150 nella provincia di Catania e altrettanti al Parco San Francesco di Bari. I pneumologi vogliono ricordare così il ruolo svolto dalla vegetazione nell’assorbimento degli inquinanti gassosi.

COMMENTI

WORDPRESS: 0