Progetto Popolare…questione Miramare

' ! A Manfredonia c’è qualcuno che soffre di memoria corta, patologia che colpisce soprattutto chi oggi amministra la città, cavalcando un'impr

IL PD SIPONTINO AI MINIMI STORICI
Foggia al «setaccio», chiedevano 100mila euro a imprenditore minacciandolo con bombe: 3 fermi
Manfredonia, aumento del numero dei positivi

‘ !

A Manfredonia c’è qualcuno che soffre di memoria corta, patologia che colpisce soprattutto chi oggi amministra la città, cavalcando un’improvvisata quanto legittima carriera politica.

Vorremmo parlarvi delle promesse fatte questa estate dall’attuale Sindaco Gianni Rotice che, dall’alto delle sue funzioni, non consente alla nostra città la piena fruizione dello “Stadio Miramare”, oramai da alcuni mesi in perenne stato di avanzamento di lavori.
Della serie “campa cavallo” che l’erba non cresce.

Sommessamente ricordiamo al Sindaco che quella struttura che lui affettuosamente chiama “campo” è lo Stadio Miramare; evidentemente si ignora che qualche anno fa, venne denominato “Stadio”, con tanto di targa apposta al suo esterno.

La storia ci dice che lo scorso anno, esattamente una settimana prima della tornata elettorale, il candidato sindaco Gianni Rotice, in qualità di Presidente del Manfredonia Calcio 1932, firmò ( ) una convenzione della durata di 15 anni con i Commissari Straordinari del Comune di Manfredonia, per la gestione dello Stadio Miramare.
Subito dopo Gianni Rotice vinse le elezioni rimanendo per oltre un mese contemporaneamente Sindaco e Presidente del sodalizio sportivo, incarichi chiaramente incompatibili tra loro.

Inizialmente la convenzione con il comune di Manfredonia, per la gestione dello Stadio Miramare, l’aveva firmata la società “Manfredonia Calcio 1932”, a cui è subentrata subito dopo un nuovo soggetto denominato “Manfredonia Miramare” a questo punto ci chiarisca il ruolo e i requisiti di questa nuova società e magari ci dica pure l’assetto societario e se lei è “più o meno” coinvolto in questa nuova realtà e se vi siano altre forme di incompatibilità nascoste.

In sostanza le chiediamo maggiore trasparenza su questa faccenda, se lei vuole può continuare a chiamarlo “Campo” ( ), ma le dico che per noi è arrivato il momento di iniziare a viverlo seriamente quel “campo”.

La nostra pazienza è finità: è mai possibile che dal mese di Luglio 2022, non si è riusciti ad avete le autorizzazioni necessarie per completare i lavori, per collaudare le opere e tutto quanto necessario per favorire la stagione sportiva della nostra Prima Squadra?
In uno degli ultimi consiglii comunali lei ha promesso che i lavori sarebbero stati completati in coincidenza con la festa dei 90 anni … ma anche questo non è accaduto!

Il danno cagionato è enorme e lo sta pagando l’incolpevole Presidente del Manfredonia Calcio 1932 che ha investito tantissimo, i tifosi che hanno fatto l’abbonamento per le partite da disputare in casa, la tifoseria organizzata che continua ad essere perennemente in trasferta, il settore giovanile che deve accontentarsi di utilizzare le nostre spiagge per allenarsi e infine il danno maggiore lo stiamo facendo ai bambini della nostra città, che vorrebbero indossare la mitica casacca della nostra squadra e iniziare a fare scuola calcio in maniera seria.

Sindaco lei conosce le dinamiche dello sport, sa bene che una squadra di calcio che non ha uno stadio è una squadra senza casa.

Sindaco metta a riposo i fantasmi che agita in continuazione, eviti questa volta di fare riferimento a coloro che non amano la città (perchè ad oggi non abbiamo ancora capito chi sono) e provi a darci una risposta seria.

̀ , ̀.

COMMENTI

WORDPRESS: 0