Tanguero’, il primo gioco da tavolo sul tango argentino

Non poteva che intitolarsi 'Tangeuro' il primo gioco da tavolo sul tango argentino, per il quale è partita la campagna di raccolta fondi per realizz

IL GINO LISA RIPARTE CON VOLI LINEA E CHARTER
A Monte Sant’Angelo si pensa ad una vicesindaco donna, sarebbe decisione storica
FESTA PATRONALE, CHIUSURA DEGLI UFFICI DI CURIA

alternate text

Non poteva che intitolarsi ‘Tangeuro’ il primo gioco da tavolo sul tango argentino, per il quale è partita la campagna di raccolta fondi per realizzarlo e distribuirlo in tutta Italia, a partire da novembre. Il gioco simula interamente una milonga di tango, con tandas, cortine, miradas, orchestre, ballerini famosi e principianti, che eseguono in pista, ovvero sul tabellone, le figure classiche del tango, con l’obiettivo di diventare il più bravo tanguero della milonga. La campagna di raccolta fondi – con la piattaforma IdeaGinger – è attiva fino al 30 ottobre: oltre a sostenere il progetto, si può prenotare in anticipo la propria scatola del gioco. Sono già tanti i sostenitori che hanno aderito e in pochi giorni i fondi raccolti sono stati circa 4.000 euro su un obiettivo di 10.000 euro.L’idea è nata durante i giorni del lockdown quando era vietata ogni forma di socializzazione – racconta Roberto Fabbroni presidente dell’associazione Il Paese dei Ballokki di Forlì e ideatore e produttore del gioco – Abbiamo sofferto tutti in quel periodo, per tanti motivi, abbiamo dovuto tenere la Scuola di ballo chiusa e ci è mancato tanto anche il nostro Tango, i nostri amici, le nostre serate. Così abbiamo cercato un modo per continuare a tener viva la nostra passione e ci è venuta un’idea: raccogliere la cultura del Tango Argentino e chiuderla in una scatola, in un gioco divertente, che simuli interamente una milonga con tutti i codici del Tango ma a cui possono giocare tutti, non solo i ballerini. Sostenere il progetto è facile, basta un click. Si può decidere se fare una donazione a offerta libera o scegliere tra le varie ricompense, che vanno dalla prenotazione di una scatola del gioco a una carta personalizzata con il proprio ritratto”.

COMMENTI

WORDPRESS: 0