Candidato deceduto sulla scheda del collegio di Foggia: il suo nome resta, non può essere sostituito

Sui manifestati per l’elezione del Senato della Repubblica, nella lista dei candidati nel collegio uninominale di Foggia, compare anche Comingio Rossi

Ucraina: Aumenta la pressione del mondo su Putin, atteso il secondo round di negoziati
Dove è andata a finire la fede?
Ase Manfredonia, avviso assunzione personale

Sui manifestati per l’elezione del Senato della Repubblica, nella lista dei candidati nel collegio uninominale di Foggia, compare anche Comingio Rossi di Lucera, classe 1951, accanto al simbolo di ‘De Luca sindaco d’Italia-Sud chiama Nord’. È il movimento politico di Cateno De Luca, ex sindaco di Messina, presieduto dall’ex ‘Iena’ Ismaele La Vardera. Il suo nome è riportato anche nel fac-simile della scheda pubblicata solo ieri dalla Prefettura di Foggia. E così lo troveranno gli elettori della Capitanata il 25 settembre. Purtroppo, però, Comingio Rossi è improvvisamente scomparso lo scorso 25 agosto, all’età di 70 anni. I suoi funerali sono stati celebrati il 28 agosto nella Cattedrale di Lucera.

I messaggi di cordoglio sui social di ‘compagni’ e amici addolorati per l’improvviso decesso lo ricordano come un “uomo dotato di grande intelletto e cultura”, “un esuberante vulcano di idee”, “persona di grandi speranze e grandi vedute”. Gli tributava un ultimo commosso saluto anche il Pd di Lucera: “La comunità del Partito Democratico e tutti i riformisti sentiranno la mancanza di una persona creativa, curiosa, buona e piena di vita. Una persona che ha seminato molto ed i frutti del suo lavoro germoglieranno. Compagno Comingio è stato un piacere”. Socio dell’Anpi, nel 2019 era stato candidato consigliere comunale a Lucera nella lista del Pd.

Comingio Rossi è venuto a mancare un mese prima delle elezioni politiche del 25 settembre e tre giorni dopo la presentazione delle liste. Il suo nome viene regolarmente inserito negli articoli di stampa che riportano le liste, anche se non c’è più.

In Puglia sono state raccolte circa 3mila firme per consentire l’ammissione delle liste alla competizione elettorale. All’indomani della presentazione in Corte d’Appello a Bari, Comingio Rossi si complimentava sui social con il referente regionale del movimento Donato Amoruso per il risultato (“segno tangibile di lavoro indefesso per la democrazia”, scriveva).Era l’unico candidato della provincia di Foggia nelle liste di ‘Sud chiama Nord’. Il suo nome non sarà sostituito. “La legge non lo permette, perché è deceduto dopo la presentazione delle liste – spiega Amoruso – È previsto nel proporzionale, ma non all’uninominale. Purtroppo, è un fatto certamente spiacevole”.  

COMMENTI

WORDPRESS: 0