Il foggiano Conte scrive la nuova storia del Movimento.

il tempo dell’attesa e dei rinvii è finito, il Movimento 5 Stelle entra, forte delle sue radici, in una nuova storia. Giugno segna l’inizio del nostro

Maturità 2021: niente scritti, solo esame orale
Perché il 25 aprile è la festa della Liberazione
LANDELLA DENUNCIA: “VIA VAI INGIUSTIFICATO DA BORGO MEZZANONE”

il tempo dell’attesa e dei rinvii è finito, il Movimento 5 Stelle entra, forte delle sue radici, in una nuova storia. Giugno segna l’inizio del nostro secondo tempo”. Così l’ex premier di Volturara Appula Giuseppe Conte annuncia il nuovo corso e taglia il cordone ombelicale che legava ancora il M5S a Casaleggio. “Siamo finalmente in possesso dei dati degli iscritti ed è stato raggiunto l’accordo con l’associazione Rousseau”. Si cambia piattaforma.

Riferisce di una separazione consensuale. “Dopo tanti anni di collaborazione era giusto che tutto si concludesse con un accordo”. Si è confrontato direttamente con Davide Casaleggio e le trattative sono state lunghe. “Abbiamo trovato una soluzione, che consentisse la partenza di questa nuova fase, mettendo fine alle varie pendenze e onorando i pagamenti. Le strade si dividono ma con pieno rispetto da parte nostra. Casaleggio è un nome che evocherà sempre la storia del Movimento e chi non rispetta la propria storia non rispetta se stesso”.

Parte ora il nuovo progetto politico: gli iscritti saranno il motore principale. “Ringrazio in particolare Vito Crimi, con cui abbiamo concordato un cronoprogramma e che in questo periodo non si è mai risparmiato”.

Nei prossimi giorni sarà presentato il nuovo Statuto e la Carta dei principi e dei valori: “Sarà aperta una fase per le osservazioni degli iscritti ed entro la fine di questo mese ci sarà la pronuncia con un voto online prima sullo Statuto e successivamente sul nuovo leader del M5S”.

“È tempo di essere realisti ma anche di lavorare per ‘realizzare l’impossibile’ – ha concluso Conte – abbiamo un Paese e un futuro a cui dedicare le nostre più preziose energie”.

Entusiaste le anime del Movimento in provincia di Foggia. L’assessore regionale Rosa Barone è contenta soprattutto di come si è chiuso il rapporto con Rousseau. “A me piace che si rispettino fino alla fine quelli che sono stati i rapporti iniziali. Del resto a Casaleggio si deve tutto, e quindi è giusto rispettare il figlio e la sua memoria. Ed è giusto ripartire con nuove regole, nella figura di Conte, che sicuramente è una figura equilibrata, assolutamente nuova, ma anche molto credibile e positiva per il nostro territorio soprattutto”.

Esulta anche l’europarlamentare Mario Furore: “Era ora. Finalmente ci sarà chiarezza, attendiamo il nuovo regolamento e la nuova votazione per rendere operativa la nuova struttura che Conte proporrà per riorganizzare il Movimento. Purtroppo questo periodo di autogestione e assenza di leadership rischiava di logorarci, adesso invece avremo riferimenti certi sui territori ed una organizzazione capillare che ci permetterà di essere pronti a nuove sfide sui temi a noi cari”.

 

COMMENTI

WORDPRESS: 0