Covid Puglia, il sindacato: «Troppi contagi in ospedale tra pazienti e dipendenti»

«La seconda ondata epidemica ha colto, per portata, impreparato il sistema sanitario regionale, ancora oggi infatti non sempre i nosocomi sono organiz

Coronavirus, 165 aziende del Sud pronte a produrre mascherine, tute e camici
Ciclovie urbane, quasi 9 milioni dal Ministero alla Puglia.
Freddo in arrivo da domenica?

«La seconda ondata epidemica ha colto, per portata, impreparato il sistema sanitario regionale, ancora oggi infatti non sempre i nosocomi sono organizzati in modo adeguato tale da tenere ben separati e distinti, al proprio interno, i percorsi pulito/sporco, e ciò contribuisce indubbiamente alla diffusione del virus tra pazienti e dipendenti: una promiscuità non più ammissibile e tollerabile». È quanto sostengono il segretario generale Cisl Fp Puglia, Giuseppe Melissano, e il coordinatore regionale professioni sanitarie Cisl Fp, Nunziata De Luca, in una lettera inviata al governatore pugliese Michele Emiliano e all’assessore alla Sanità, Pierluigi Lopalco. Secondo la Cisl, «l’accesso ambulatoriale all’interno dei presidi ospedalieri non consente di garantire la buona pratica di contenimento della diffusione pandemica prevista dalle norme». I sindacalisti denunciano anche che in alcuni ospedali «sono consentite ancora le visite ai parenti ricoverati, troppa gente presumibilmente positiva asintomatica accede ai reparti aumentando esponenzialmente il rischio di contagio».

Coronavirus

COMMENTI

WORDPRESS: 0