Covid, l’appello dei medici: “State a casa”

Più aumentano i contagi, più si diffonde il virus. E questo rischio è maggiore nei luoghi affollati. Quindi occorre ridurre le azioni sociali che non

Gargano, un suggestivo ponte tibetano sospeso sul vallone di Pulsano: ecco l’idea dell’ingegnere De Meo
19a Mostra del Presepio
BUON COMPLEANNO MANFREDONIA!

Più aumentano i contagi, più si diffonde il virus. E questo rischio è maggiore nei luoghi affollati. Quindi occorre ridurre le azioni sociali che non sono necessarie e stare a casa il più possibile”. Lo afferma all’Adnkronos Salute Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo).

“La situazione epidemiologica ci dice che non bastano più le misure fin qui adottate (il distanziamento sociale, l’uso della mascherina, l’igiene delle mani), serve la consapevolezza che dobbiamo stare lontani dai luoghi affollati e frequentati da persone che non conosciamo – avverte Anelli – Siamo in una fase in cui il ‘contact tracing’ non è più sufficiente, qualsiasi persona potrebbe essere contagiosa inconsapevolmente”.

I  medici di famiglia: “Siamo in guerra, rischio coprifuoco per Roma”

“Dobbiamo tornare al senso di responsabilità che ha caratterizzato la prima fase – conclude Anelli – Il Governo interverrà sulle criticità che sono emerse, dai trasporti alle scuole”.

Covid, l'appello dei medici: State a casa

COMMENTI

WORDPRESS: 0