Clima tropicale e la Puglia è invasa da insetti «alieni»: allarme Coldiretti

Per i cambiamenti climatici in atto, il surriscaldamento e le barriere comunitarie colabrodo sono arrivati in Puglia parassiti 'alieni', mai visti pri

PROMOZIONE PUGLIESE, IL PROGRAMMA DEL PROSSIMO TURNO
“Riccardi fuori anche dall’ASI. Non è conferibile” (L’ATTO)
M5S: L’ESITO DELL’INCONTRO TELEMATICO A MANFREDONIA SULL’AGRICOLTURA DI DOMENICA 15 DICEMBRE

Per i cambiamenti climatici in atto, il surriscaldamento e le barriere comunitarie colabrodo sono arrivati in Puglia parassiti ‘alieni’, mai visti prima, che si sono accaniti su alberi, piante e frutti: dalla Drosophila Suzukii dei frutti rossi, all’Aleurocanthus spiniferus che attacca agrumi e vite, dalla Xylella che ha fatto seccare 21 milioni di ulivi al punteruolo rosso che ha fatto strage di decine di migliaia di palme, fino alla Tristeza degli agrumi, causando miliardi di danni». Lo afferma Coldiretti Puglia.
«L’invasione di virus e insetti alieni – evidenzia il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia – impone una strategia complessiva della Regione contro le numerose e incontenibili malattie delle piante che arrivano in Puglia attraverso le frontiere colabrodo dell’Ue che, sia improntata su una tempestiva quanto efficace azione di prevenzione e contenimento, per non mettere a repentaglio il patrimonio arboreo e produttivo pugliese, già messo seriamente a dura prova».
Coldiretti sottolinea che nelle «province di Bari, Barletta-Andria-Trani, Lecce, Taranto e Brindisi è stata segnalata la presenza della cimice asiatica, particolarmente pericolosa per l’agricoltura perché prolifica con il deposito delle uova almeno due volte all’anno con 300-400 esemplari alla volta. La cimice asiatica, tra l’altro, si accanisce anche sulle olive».

xylella

COMMENTI

WORDPRESS: 0