Regionali 2020,Campo contro Scalfarotto

Moltissime le reazioni negative alla candidatura di Ivan Scalfarotto con Italia Viva, Azione e Più Europa, che spacca il fronte del centrosinistra. Da

Consulente ucciso a Manfredonia, convalidato l’arresto di Cipparano
Anche le Associazioni contro la decisione del Parco sull’abbruciatura dei residui di potatura
CALCINACCI SI STACCANO DAL PONTE, SULLA STATALE 89 DIREZIONE GARGANO

Moltissime le reazioni negative alla candidatura di Ivan Scalfarotto con Italia Viva, Azione e Più Europa, che spacca il fronte del centrosinistra. Da Alfonsino Pisicchio a Mario Loizzo.

I renziani appaiono ancora poco inclini a candidarsi. Se i due coordinatori provinciali Aldo Ragni e Rosa Cicolella preferiscono mantenere il loro ruolo di garanti nel partito, Dino Marino, ex consigliere regionale e presidente della Commissione Sanità dichiara di voler restare in panchina, da regista.

Ragni è ottimista, non teme alcun “suicidio politico” dettato dal fatto che Scalfarotto sia poco noto nel Sud della Puglia.

“Se avessimo avuto queste preoccupazioni non lanciavamo Italia Viva. Il nostro è un progetto politico. E lo abbiamo messo in campo in queste elezioni. I primi sondaggi non paventano un flop del nostro progetto. Non ci mancano le opzioni per le liste. Quello che abbiamo deciso è che la lista sarà composta con il criterio della parità di genere”, spiega a l’Immediato.

Per Foggia, Lorenzo Frattarolo non nega né conferma di essere il nome su cui puntare, mentre è probabile che nel Basso Tavoliere si punti sull’ex sindaca di Orta Nova Iaia Calvio.

Intanto dal capogruppo regionale del Pd, Paolo Campo arriva un forte attacco. Ecco il suo pensiero a cui unisce la richiesta a Scalfarotto di dimissioni da sottosegretario.

“Ero segretario provinciale del Partito Democratico quando Ivan Scalfarotto fu inserito (a Roma) nella lista bloccata dei candidati alla Camera. Fui tra i non molti ad esprimere una valutazione politica positiva, a prescindere dal modo in cui ce lo ritrovammo, pur non conoscendolo personalmente. Ero convinto che avrebbe reso più ricca la nostra comunità e più attrattiva la nostra lista. Mi sbagliavo e riconoscerlo è doveroso. A memoria, non ricordo un solo atto o intervento degno di nota per la Puglia e la Capitanata da parte di chi è stato componente dei Governi Letta – Renzi – Gentiloni. E ricordo tutti gli atti e gli interventi orientati a frammentare e disunire la comunità politica che lo aveva accolto e gli aveva consentito di ottenere il seggio alla Camera.

Le occasioni in cui ha frequentato i nostri circoli, al di fuori dalla campagna elettorale, si contano sulle dita di una mano “a causa dei suoi impegni di governo”.

Impegni ora, evidentemente, non altrettanto pressanti e che gli consentono di partecipare ad una lunga e faticosa campagna elettorale nella regione che neanche “rappresenta” più, essendo stato eletto in Lombardia.

È per tutto questo che non intendo soffermarmi un solo secondo sulle ragioni della sua candidatura a presidente della Regione Puglia.

A meno che non si dimetta dal governo Conte, sostenuto da forze populiste, e non lasci Italia Viva, nelle cui fila militano eletti ed ex rappresentanti della destra.

Credibilità e coerenza, però, sono doti che non gli appartengono”.

Regionali 2020, Italia Viva al lavoro per le liste (con la parità ...

COMMENTI

WORDPRESS: 0