Puglia, chiesto stato di calamità per i danni da maltempo

«Sembra non esserci limite al peggio per l’agricoltura pugliese. Ai danni diretti e indiretti che sta causando al comparto la pandemia di coronavirus,

Tragedia in spiaggia a margherita di savoia
Terzo seminario del progetto “Incontriamoci” al CPI Manfredonia
COMINCIATI I LAVORI PER IL TRENO-TRAM

«Sembra non esserci limite al peggio per l’agricoltura pugliese. Ai danni diretti e indiretti che sta causando al comparto la pandemia di coronavirus, si aggiungono in queste ore quelli causati dalla tardiva ondata di maltempo»

o dichiara l’assessore all’Ambiente, Gianni Stea. «Dopo un’altrettanto anomalo inverno con temperature di molto sopra la media – dice – ecco improvvisamente due giorni di gelo, con le temperature precipitate sotto lo zero in particolare nelle aree dell’entroterra. I danni, in un settore già in ginocchio, sono incalcolabili in particolar modo sulle primizie, il grano, le patate, gli alberi da frutto, ciliegi e albicocchi, mandorli. Colpiti in particolar modo i vigneti di uva da tavola e da vino un pò in tutta la regione. Adesso occorre una risposta adeguata alle giuste necessità delle attività agricole pugliesi. Il calcolo dei danni sarà ben più visibile nei prossimi giorni, ma non c’è tempo da perdere e in attesa della conta definitiva mi sono già attivato per chiedere lo stato di calamità. Anche questa volta la Giunta regionale pugliese farà il possibile per porre rimedio alle sofferenze dei comparti maggiormente danneggiati dai cambiamenti climatici».

L’APPELLO DELL’ANCI AL GOVERNATORE – Anci Puglia chiede «alla Regione un intervento a sostegno dei comparti agricoli gravemente danneggiati da gelate degli ultimi giorni». In una lettera inviata al governatore Michele Emiliano, il presidente dell’Anci Puglia, Domenico Vitto, evidenzia che «i repentini sbalzi di temperatura di questi giorni hanno causato gravi e irreversibili danni ai raccolti, compromettendo la sopravvivenza di vari comparti agricoli pugliesi. Molte imprese sono oramai allo stremo, anche perché già fortemente provate dalle ripercussioni dell’emergenza Covid-19». «I danni alle coltivazioni provocati dalle gelate – spiega – avranno pesanti conseguenze sull’intera economia regionale. Il settore agricolo rappresenta storicamente un traino straordinario per l’economia pugliese e un volano per il settore industriale e dei servizi». Per questi motivi Vitto chiede a Emiliano un «intervento urgente teso a sostenere i comparti agricoli interessati da questo difficile momento»

COMMENTI

WORDPRESS: 0