Gli abiti Cristò Couture del sipontino De Feudis sul redcarpet di Sanremo e intanto prende il via il nuovo progetto “Simulacrum”

Gli abiti del messinese Salvatore Casella e del sipontino Francesco De Feudis, con il marchio Cristò Couture sul red carpet di Sanremo, scelti da Eman

MANFREDONIA: FUOCO A RIFIUTI SPECIALI ABBANDONATI IN LOCALITÀ PONTE DI CANIGLIA
67ª Edizione del Carnevale di Manfredonia: Ieri la presentazione
Coronavirus, superate le 4mila vittime (in un giorno 627 morti). In Puglia 551 casi, 73 più del giorno prima

Gli abiti del messinese Salvatore Casella e del sipontino Francesco De Feudis, con il marchio Cristò Couture sul red carpet di Sanremo, scelti da Emanuela Tittocchia, attrice, opinionista TV, direttore artistico dell’opening del Festival da Casa Sanremo.

Un’ottima vetrina per la Cristo’couture che in quest’ultimo anno ha collezionato un successo dopo l’altro,pluri premiati, tra cui il primo premio al concorso nazionale “TUSPOSA” in collaborazione con “ELLESPOSA”. Quello tra i due stilisti è sempre stato un sodalizio fortunato, con tenacia ed entusiasmo portano avanti, ormai da quasi un ventennio, la singolare avventura di Cristo’ Couture. Due personalità poliedriche e differenti che si completano a vicenda, trovando il loro trait d’union nell’amore per la cultura, i colori, i modi e le tradizioni proprie del sud Italia.

Mentre uno degli abiti degli stilisti De Feudis e Casella sfila a Sanremo prende il via il nuovo shooting “Simulacrum” in collaborazione con Giuseppe Fata e realizzato per la valorizzazione del patrimonio artistico/culturale Italiano. Di recente Francesco e Salvo, insieme a Giuseppe Fata, il genio dell’arte sulla testa, artista calabrese famoso a livello internazionale per le sue “Head sculpture”, hanno avuto l’opportunità di realizzare uno shooting all’interno di una delle location più belle e suggestive della città di Messina , la Cripta del Duomo, risalente al 1081 d.c. Scatti che fanno parte di un progetto avviato nel febbraio 2019 proprio con Giuseppe Fata. Le foto sono state presentate alla Fashion Week ed alla Design Week di Milano e, per il successo ottenuto hanno fatto il giro del mondo, pubblicate dai più importanti magazine di moda, consacrando i due stilisti Cristo’ e l’artista Giuseppe Fata e aprendogli così le porte del Haute Couture mondiale.

Adesso invece arriva “Simulacrum” dedicato e realizzato per il 500º anniversario della morte di Raffaello, pittore e architetto italiano tra i più celebri del Rinascimento. Dove la maison Cristo’ Couture ha realizzato un abito Haute Couture, con pregiatissimi tessuti e sormontato da sontuosi ricami in polvere di cristalli oro e l’artista Fata un’imponente testa scultura dedicata alla “Madonnasistina” di Raffaello. Anche il risultato di questo progetto sarà presentato alle settimane della moda e del design di Milano. Gli scatti realizzati all’interno del Duomo di Messina sono del fotografo Saro Campione. Importantissima anche la collaborazione della modella Elena Cama e il MakeUp artist Dario Caminiti.

COMMENTI

WORDPRESS: 0