Lotteria Italia, il primo premio da 5 mln a Torino. Ecco tutti i biglietti vincenti. A Palo e Molfetta due premi da 100mila euro

Il Sid resta ancora a secco nella cinquina d'oro e la dea bendata bacia con 5 milioni di euro Torino. Il primo premio della Lotteria Italia è stato in

Alba di arresti a Foggia e provincia, operazione “Chorus 2”. Oltre 100 militari e numerosi agenti in azione
RUBATO MARSUPIO. L’APPELLO DEL PROPRIETARIO
Foggia, 20 super poliziotti specializzati per le vittime di mafia e racket „In arrivo 20 super poliziotti

Il Sid resta ancora a secco nella cinquina d’oro e la dea bendata bacia con 5 milioni di euro Torino. Il primo premio della Lotteria Italia è stato infatti assegnato al biglietto  O 005538 venduto nel capoluogo piemontese. Gli altri 4 supereremo sono andati in provincia di Udine, Roma, Lucca a Como. In Puglia, in provincia di Bari, sono andati due premi da 100mila euro venduti a Molfetta e Palo del Colle. Sono complessivamente 205 i premi assegnati suddivisi in 3 categorie. 5 i superpremi della prima categoria (da 5 milioni il primo a mezzo milione di euro il quinto), 20 i premi di seconda categoria da 100mila euro (il doppio di valore rispetto ai 50mila dello scorso anno) e 180 i premi di terza categoria da 20mila euro (5mila euro in meno rispetto allo scorso anno). Ecco i premi suddivisi per categoria.

Premi di prima categoria (da 5 milioni a 500mila euro):

Primo premio da 5 milioni di euro: Biglietto n.  O 005538 venduto a Torino
Secondo premio da 2,5 milioni di euro: Biglietto n.  P 463112 venduto a Gornas (Udine)
Terzo premio da 1,5 milioni di euro: Biglietto n.  N 121940 venduto a Roma  (distributore locale)
Quarto premio da 1 milione di euro: Biglietto n.  C 127922 venduto a Lucca
Quinto premio da 500mila euro: Biglietto n.  P 370303 venduto a Erba (Como)

Premi di seconda categoria (100mila euro)

È il Lazio, in particolare la provincia di Roma, la regione protagonista delle vincite di seconda categoria della Lotteria Italia. Cinque dei 20 premi da 100mila euro ciascuno, riferisce Agipronews, sono finiti nella Capitale (4) e a Frascati (1), nella zona dei Castelli Romani. Bene anche Emilia Romagna, Campania e Piemonte, con tre premi ciascuno.

C497235 ROMA
L064678 CASTELLARANO (RE)
E237293 ROMA
E235721 ROMA
N221621 MOLFETTA (BA)
F409216 SALERNO (SA)
D133481 PAVIA (PV)
E346697 TORINO DI SANGRO (CH)
P431020 PALO DEL COLLE (BA)
P412570 LAVIS (TN)
M059274 RICCIONE (RN)
L288423 TORINO
E468061 FRASCATI (RM)
A473573 TORTONA (AL)
M160464 TRIESTE (TS)
P475690 ROMA
N065499 NAPOLI
M003332 SALERNO
A351631 PARMA
E323839 PISCINA (TO

Nel corso degli aggiornamenti della serata tutte le matrici degli altri tagliandi fortunati di terza categoria.

LO SCORSO ANNO I 5 MILIONI A SALA CONSILINA (SALERNO)

Lo scorso anno il primo premio di 5milioni di euro fu venduto Sala Consilina (Salerno) – A03 SA-RC, il secondo premio da 2,5 milioni di euro venduto Napoli – Piazza Principe Umberto, il terzo premio euro da 1,5 milioni di euro venduto a Pompei, il quarto premio da 1 milione di euro venduto Torino – Corso Traiano 158 e infine il quinto premio da mezzo milione venduto a Fabro (Terni).

Lo scorso anno alla Puglia toccarono 3 premi di terza categoria da 25mila euro (venduti a Modugno, Lecce e Acquaviva delle Fonti), e uno dello stesso valore alla Basilicata (Matera).

ROMA PRIMA NELLE VENDITE, PUGLIA IN CALO (FOGGIA +7,1%)

Roma resta la provincia leader nella vendita della Lotteria Italia anche per l’edizione 2019 e, ancora una volta, è l’unica a superare il milione di tagliandi (1.035.340), in calo però (-5,5%) rispetto allo scorso anno. Confermato il podio delle province con le maggiori vendite: Milano, riporta Agipronews, è stabile al secondo posto con circa 546mila tagliandi (+0,1%) e Napoli è ancora terza con 304mila biglietti, in aumento del 2,9%. In top five ci sono anche Bologna (229.730, 0,1%) e Torino (226.460, +3,2%). Complessivamente sono stati venduti 6,7 milioni di biglietti (11.709 quelli digitali, al debutto per la prima volta quest’anno a partire da ottobre).

Calo meno accentuato, rispetto al dato nazionale, per le vendite della Lotteria Italia in Puglia: i biglietti distribuiti sono in totale 257mila, il 2,9% in meno rispetto a un anno fa. A livello provinciale, riporta Agipronews, Bari registra le maggiori vendite (81mila, -6,8%). La seconda provincia per vendite è Foggia (57mila, qui la migliore prestazione +7,1%), seguono Lecce (47mila, -6,3%), Barletta (26mila, qui le vendite “tengono” a +6,4%), Taranto (25mila, -7,5%), e ultima Brindisi con 19mila tagliandi, dove si registra il calo maggiore

DAL 2002 OLTRE 29 MILIONI DI PREMI ANCORA NON RISCOSSI

E’ di 29 milioni di euro il totale dei premi non riscossi della Lotteria Italia dal 2002 a oggi.  Nell’edizione 2018 gli italiani hanno «dimenticato» di riscuotere oltre 1 milione di euro, diviso in 6 premi di seconda categoria da 50mila euro ciascuno e da 31 di terza categoria da 25mila euro. Tutti reclamati i cinque premi di prima categoria, dal primo premio da 5 milioni di euro, vinto a Sala Consilina (Salerno) al quinto da 500mila euro vinto a Fabro (TR). Premi di prima categoria tutti riscossi anche nell’edizione 2017 (ma il totale delle “dimenticanze” fu comunque da 970mila euro). L’ultimo “black out” milionario c’è stato, invece, nell’edizione 2016, con un biglietto da 2 milioni di euro mai riscosso.

La storia della Lotteria Italia, è costellata da dimenticanze milionarie. Il primato degli ’sbadati’ appartiene all’edizione 2008/2009, quando a non essere reclamato fu il primo premio da 5 milioni di euro, venduto a Roma (e rimesso poi in gioco l’anno successivo). Nel 2003 i premi non riscossi ammontarono a quasi 4 milioni di euro. L’anno seguente i biglietti vincenti dimenticati furono del valore di 1,1 milioni. Nel 2007 non furono incassati premi per un totale di 1 milione 125 mila euro. Solamente 220 mila euro i premi dimenticati nell’edizione 2010, mentre nel 2011 le somme lasciate allo Stato furono pari a 2 milioni di euro, corrispondente al secondo premio vinto a Modena, più vincite inferiori per ulteriori 700 mila euro. Nell’edizione 2012 furono invece dimenticati premi per 642 mila euro.

COMMENTI

WORDPRESS: 0