MANFREDONIA ED IL SOGNO DELLA PISTA D’ATLETICA

E’ da oltre scarso  un quarantennio  che aspettiamo la famosa pista di atletica leggera, abbiamo visto passare nuove generazioni e pigiare perfino col

CARTOLINE DAL PASSATO: “CICCILL JIÈ VACAND U SICCHJE”
Scossone a Casa Sollievo della Sofferenza, il super direttore Crupi lascia l’ospedale di San Pio
Eclissi del 21 Gennaio 2019, stanotte la Luna diventa rossa

E’ da oltre scarso  un quarantennio  che aspettiamo la famosa pista di atletica leggera, abbiamo visto passare nuove generazioni e pigiare perfino col piede sul tempo della rassegnazione, ma non ce la facciamo, ancora fatica oggi a digerire questo argomento così ancora attuale e di un’importanza fondamentale. Un argomento orami sepolto dentro un fosso, per sempre o per dirla con le parole dell’Ungaretti “Un mare Sepolto” questo termine gli si addice molto di più,tutto questo in realtà mi fa paura questa insana improvvidenza ,di un egoismo tale e del non pensare al paese che vive di eterni silinzi in riguardo.

Ma vi rendete conto che qui a Manfredonia, non abbiamo niente, pochissimo il controllo per il benessere del cittadino, già le persone di per sè vivono sempre sul piede di guerra, tra di loro e regna spesso l’indifferenza più pura.

Nel passato. Siamo ad una domenica mattina, con l’amico e insegnante Isef, Pasquale Di Gregorio, ex atleta con me della stessa società della storia sportiva manfredoniana, che venimmo fuori col vecchio discorso di sei anni fa – oramai l’avevamo tirata fuori dalla tasca come un’immagine cara, mai avuta, ma sempre desiderata e lungamente promessa. Ebbene, questa è stata una piccola luce accesa, sempre vissuta in penombra, tenuta conservata negli anni come una preziosa grazia di parsimonia, quasi a voler resistere in questa lotta non certamente facile, da portare al risveglio della popolazione.

Quando Pasquale , mi  parlò dei compagni dell’ex gruppo d’atletica di Manfredonia, mi è sceso un brivido lunga la colonna vertebralee i nostri visi si sono rabbrividiti dalle cento sensazioni attuali, ricordando girando la testa a quella che è stata la nostra vita agonistica sportiva, iniziata prestissimo. Eravamo davvero dei ragazzi in gruppo con tanti altri, nostri colleghi atleti, in pochi e molto soli, vivevamo in isolamento tale , quando ci allenavamo verso Siponto ,che era la meta ideale per il lunghi e faticosissimi allenamenti di fondo. Altri tempi, c’era addirittura chi ci insultava.

Commosso, mi sono ripromesso di scrivere questo articolo , rivolto direttamente alle autorità costituzionali, chiedendo loro quando, e semmai soranno mai in programma i lavori per realizzare la pista di atletica leggera? Ovviamente la risposta è no! Un appello dunque che rivolgiamo a nome soprattutto dei tanti ragazzi che fanno atletica : e che sono soliti allenarsi per strada non avendo altre strutture a disposizione. Ma no facciamo che vada nel fondo profondo,ma la gente lo deve sapere che qualcuno ne parli e denunci .La nostra vuole essere, dopo tanti anni di attesa per gli sportivi agonistici e amatoriali sipontini, una preghiera per costruire il nostro, il loro, un suo sogno per Manfredonia intera.

Claudio Castriotta

COMMENTI

WORDPRESS: 0