MANFREDONIA, BERARDINO TORRE E LA VICENDA DEL CUORE DI “VILLA ROSA”

Sono un pronipote di monsignore, della stessa Diocesi di Amalfi da cui lui proveniva, sono molto commosso per le sue parole e la ringrazio dal profond

CHIUSURA IMPROVVISA UTIC SAN CAMILLO, ASSURDO"
A Manfredonia la prima manifestazione anti-trivelle
Sequestro GrandApulia: la Fismic a tutela dei lavoratori. Domani sit-in protesta

Sono un pronipote di monsignore, della stessa Diocesi di Amalfi da cui lui proveniva, sono molto commosso per le sue parole e la ringrazio dal profondo del cuore per averlo ricordato con tanta fedeltà storica, Dio vorrà benedire il nobile e amato popolo di Manfredonia e tutti coloro che vorranno difendere il nome di Andrea Cesarano, da false ed infamanti accuse e condurre dunque i giovani agli ideali di carità e di amore che hanno ispirato la sua vita, vi chiedo anche di pregare per tutti i poveri anziani e in particolare perchè lo Spirito Santo, ponga fine alla vergognosa vicenda dell’umiliazione e della distruzione di Villa Rosa.

Ci è particolarmente cara la condizione degli inabili e dei poveri anziani soli e siamo molto preoccupati, io e la mia famiglia per i malvagi proponimenti di alcuni che ambiscono interpretare in maniera distorta il pensiero e la carità sacerdodale di monsignore e gli scritti e le ultime volontà di sua sorella Maria Assunta ,fino anche a giungere al punto di trasformare uno dei luoghi simbolo della vostra terra in ciò che da troppo tempo è diventato e cioè il manifesto perverso di scritte e raffigurazioni anticristiane e blasfeme.

COMMENTI

WORDPRESS: 0