Stop plastica nei lidi in Puglia, ordinanza resta valida: sospesa sentenza Tar

La Puglia dice di nuovo stop alla plastica in spiaggia: l'ordinanza regionale bocciata dal Tar è stata ufficialmente sospesa. A deciderlo è il Consigl

Terremoto Gargano 28 luglio 2019
Vico, suolo pubblico gratis per aiutare le attività
Ancora un Morto per Coronavirus

La Puglia dice di nuovo stop alla plastica in spiaggia: l’ordinanza regionale bocciata dal Tar è stata ufficialmente sospesa. A deciderlo è il Consiglio di Stato, che oggi ha accolto l’istanza cautelare della Regione Puglia (fissando la discussione della stessa al 29 agosto) e al tempo stesso ha sospeso l’ordinanza del Tar di Bari che aveva «reintrodotto» l’uso della plastica sulle spiagge della Puglia, ritenendo illegittima l’ordinanza balneare ‘plastic free’ emanata dalla Regione. Tutto torna al punto di partenza quindi.

La notizia della decisione del Consiglio di Stato è stata divulgata dalla stessa Regione che in una nota a firma del presidente Michele Emiliano e di Rossana Lanza, coordinatore dell’avvocatura regionale spiega: «Il giudice ha accolto in pieno le tesi difensive dell’avvocatura regionale affermando che l’Ordinanza è stata emanata nel legittimo esercizio delle prerogative dell’Ente in materia di tutela del demanio costiero, avendo perseguito indirettamente l’effetto di innalzare il livello minimo di tutela imposto dallo Stato in materia ambientale».

«Non vi è alcun contrasto con la direttiva (UE) 2019/904 del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 giugno 2019 – si legge nella nota – in quanto l’ordinanza regionale si limita a vietare l’uso di prodotti in plastica monouso nelle sole aree demaniali marittime e non incide, viceversa, sulla produzione e distribuzione di tali prodotti, cui si rivolge la disciplina europea. In sostanza la Regione ha legittimamente perseguito l’interesse pubblico di settore ad una ordinata, sicura, armonica e civile fruizione del demanio marittimo».

LA REPLICA DEL MINSITRO COSTA – «Mi complimento con il Consiglio di Stato per questa decisione di oggi che evidenzia nelle motivazioni la legittimità dell’ordinanza plastic free della Regione Puglia». Così il ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha commentato la decisione del giudice del Consiglio di Stato che ha accolto l’istanza cautelare della Regione che di fatto sospende il provvedimento del Tar Puglia che aveva precedentemente congelato l’ordinanza sulle spiagge plastic free.
«Colgo l’occasione per ribadire che il mio ministero ed i suoi tecnici sono a completa disposizione delle amministrazioni locali per supportarle nel percorso di eliminazione della plastica monouso dai loro territori attraverso delle ordinanze plastic free. Insieme troveremo le soluzioni migliori che garantiscano gli enti locali da impugnabilità e ricorsi amministrativi».

COMMENTI

WORDPRESS: 0