Altra tragedia della montagna

Altra tragedia della montagna, pare provocata da un fulmine: a pochi giorni dalla morte di una atleta impegnata in una corsa in montagna, in Alto Adig

Il 2012 tutto d’un fiato
Nomi e generalità dei 12 braccianti morti. Il più giovane, Etere Ujunwa, aveva appena 19 anni
Viola prescrizioni, militari riportano in carcere affiliato al clan Li Bergolis

Altra tragedia della montagna, pare provocata da un fulmine: a pochi giorni dalla morte di una atleta impegnata in una corsa in montagna, in Alto Adige, questa mattina a Pralongià di Livinallongo, è stato trovato il corpo senza vita di un lavoratore stagionale che è in servizio in un rifugio della zona.

La probabile causa del decesso è un fulmine. Doveva prendere servizio  nel rifugio, ma non vedendolo arrivare i gestori hanno dato l’allarme: il corpo è stato poi ritrovato a qualche centinaio di metri di distanza.  La vittima è un cuoco di 36 anni, Daniele Del Nobile, originario di Manfredonia.

Era  in un momento di pausa quando è uscito dal posto di lavoro al rifugio Pralongia che si trova nel territorio comunale di Corvara in provincia di Bolzano. Per poche decine di metri il suo corpo è stato trovato però nel versante Veneto. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Cortina che hanno avvertito il pubblico ministero di turno che a sua volta ha disposto il trasferimento alla Pieve di Livinallongo del Col di Lana.

Nella zona si stava abbattendo un forte temporale quando è avvenuta la tragedia, per questa ragione l’ipotesi ritenuta più probabile è quella che a colpirlo sia stato un fulmine.

ilgazzettino.it

COMMENTI

WORDPRESS: 0