Strage di San Marco, rinviata la prima udienza del processo

Per le vedove dei fratelli Luciani, la data di oggi, 10 giugno 2019, era una di quelle da “segnare in rosso sul calendario”, in positivo e in negativo

Incendi dolosi
Scoperta centrale del riciclaggio di autovetture a Cerignola: 6 “professionisti” del settore fermati
Gioco d’azzardo, Comune Manfredonia approva “Regolamento sale e giochi leciti”

Per le vedove dei fratelli Luciani, la data di oggi, 10 giugno 2019, era una di quelle da “segnare in rosso sul calendario”, in positivo e in negativo. Non avevano nascosto, infatti, la loro irrequietezza, al riguardo, nel corso dell’ultimo incontro pubblico, tenuto a Foggia, nel chiostro di Santa Chiara.

La data, nella quale era fissata la prima udienza del processo a carico di Giovanni Caterino, presunto basista della strage di San Marco in Lamis, rappresentava da una parte il primo passo del percorso verso quella verità e quella giustizia tanto desiderata; dall’altra parte, l’inizio di momenti difficili, in cui si sarebbero rivissuti – attraverso racconti, prove tecniche ed ipotesi investigative – i momenti che hanno portato alla morte dei fratelli Luigi e Aurelio Luciani, assassinati nella mattina del 9 agosto del 2017 dopo l’esecuzione del boss di Manfredonia Mario Luciano Romito e del cognato e autista Matteo De Palma.

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Fonte http://www.foggiatoday.it

COMMENTI

WORDPRESS: 0