Mafia e droga tra Foggia e Gargano

All’alba di oggi, nell’ambito di un’attività coordinata dalla Procura Distrettuale Antimafia di Bari, la Polizia di Stato di Foggia, di Bari e del Ser

TG del 16 04 14
TG del 20 02 15
Tg del 02 11 2016

All’alba di oggi, nell’ambito di un’attività coordinata dalla Procura Distrettuale Antimafia di Bari, la Polizia di Stato di Foggia, di Bari e del Servizio Centrale Operativo ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare – operazione “Ultimo Avamposto” – emessa dal GIP di Bari per il reato di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti nei confronti delle seguenti persone (custodia cautelare in carcere): Stefano Caldarelli nato a Pescara classe 1982; Luciano De Filippo nato a Foggia classe 1971; Claudio Iannoli nato a Carate Brianza classe 1976; Alessandro Mastrorazionato a Foggia classe 1978; Gaetano Renegaldo nato a Manfredonia classe 1978. Mentre ai domiciliari sono finiti: Antonio Balsamo nato a Manfredonia classe 1972; Wanda Campaniello nata a Foggia classe 1986; Andrea Scaglione nato a Atri (TE) classe 1994; Christian Serra nato a Chieti classe 1975 e Ivan Ventura nato a Foggia classe 1981.

La Polizia di Stato ha dato inizio all’indagine a partire dall’estate 2017 a seguito dei gravissimi fatti di sangue avvenuti tra luglio ed agosto del 2017 sul Gargano, ovverosia l’omicidio di Omar Trotta a Vieste ed il quadruplice omicidio di Mario Luciano Romito, del cognato e di due agricoltori in agro di San Marco in Lamis.

COMMENTI

WORDPRESS: 0