CITTÀ PROTAGONISTA (PALUMBO E PRENCIPE) E TOMAIUOLO: “A MANFREDONIA SERVE RESPONSABILITÀ: BISOGNA APPROVARE IL BILANCIO DI PREVISIONE”.

La nostra comunità, da un po’ di tempo, è messa davanti a rilevanti difficoltà amministrative ed azioni politiche confuse e contraddittorie, spesso gi

Manfredonia. “Irreperibile” 37enne destinatario di ordine carcerazione
FESTA DELLA MADONNA DEL CARMINE 2019, QUESTA SERA LA PROCESSIONE
POTENZIATO IL DEPURATORE DI MANFREDONIA: ENTRO GIUGNO IN ESERCIZIO ANCHE LE NUOVE STAZIONI

La nostra comunità, da un po’ di tempo, è messa davanti a rilevanti difficoltà amministrative ed azioni politiche confuse e contraddittorie, spesso giustificate come urgenze della città. Molte questioni, anche di parte, vengono presentate come utili per la collettività salvo poi addossarne gli eventuali fallimenti ad altri. 

 

Si cerca un capro espiatorio: il Governo, la congiuntura economica negativa, un’Amministrazione poco produttiva, l’assenza di una maggioranza qualificata, ideali e programmi non condivisi: insomma un colpevole con l’alibi della colpa, che è sempre di qualcun altro. 

 

Altri hanno prodotto la crisi finanziaria del Comune (segnalata dalla Corte dei Conti già dal 2009), e hanno affrontato la questione “Gestione Tributi” mediando direttamente possibili soluzioni. 

 

Si dimentica, il PD per esempio, maggioranza nella coalizione di governo, le continue fibrillazioni di questi anni, le dimissioni annunciate, date, ritirate da Amministratori in carica da anni con deleghe importanti (lavori pubblici, bilancio, annona).

 

Si sottovaluta colpevolmente il peso delle dichiarazione pubbliche, nei confronti del Sindaco, di fiducia prima e di intransigente sfiducia subito dopo, incuranti del danno che si arrecava all’indispensabile “autorevolezza” del Governo cittadino. 

 

Oggi servono i fatti quotidiani, le azioni concrete a favore della città. 

 

Serve, secondo noi, approvare nel Consiglio Comunale, convocato per il 15 aprile 2019, il Bilancio di Previsione dell’Ente, per concludere le azioni di risanamento iniziate con il piano di riequilibrio deliberato il 18 dicembre 2018 della maggioranza dei consiglieri comunali presenti (14 su 19). 

 

Noi siamo certi che, subito dopo, tutti sapranno prendere le decisioni giuste, liberamente e senza inutili infingimenti, con coerenza amministrativa e totale autonomia politica”.

“Città Protagonista”, Libero Palumbo e Antonio Prencipe; 

Francesco Tomaiuolo, consigliere comunale. 

COMMENTI

WORDPRESS: 0