Rapina a Bollate custodia cautelare per 7 persone

  https://youtu.be/zT520agqMSw   Ci sono (purtroppo) i “talenti” della criminalità garganica e cerignolana dietro all’assalto a por

LA RISPOSTA DELL’ARCI CACCIA REGIONALE SULL’INCENDIO DIVAMPATO NELL’OASI DI MANFREDONIA: “ANIMALARI E DRAGHI SPUTAFUOCO”
RAPINATA LA CARTOLERIA “SCUOLA AMICA”
Mafia Gargano, scomparso nel nulla il figlio di Notarangelo.

 

 

Ci sono (purtroppo) i “talenti” della criminalità garganica e cerignolana dietro all’assalto a portavalori della ditta “Ferrari”, messo a segno il 15 ottobre del 2016, a Bollate, nel Milanese.

Per il fatto, gli agenti di polizia delle squadre mobili di Foggia e Milano hanno eseguito, tra ieri e oggi, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 7 persone della provincia di Foggia e della vicina Bat. L’ordinanza è stata emessa dal G.I.P. Carlo Ottone De Marchi su richiesta della Procura della Repubblica di Milano, Isabella Samek Lodovici. Tra gli arrestati, spicca il nome di Antonio Quitadamo, detto ‘Baffino’, 43enne di Mattinata, già detenuto nel carcere di Melfi per altra causa. Insieme a lui, risponderanno a vario titolo del reato di rapina pluriaggravata ai danni di un furgone portavalori Giancarlo Valerio D’Abramo,  41 anni di Cerignola, Raffaele D’Assisti, 29 anni di Canosa di Puglia, Francesco Mavellia 43enne di San Ferdinando di Puglia, Catello Lista 42enne di Manfredonia, Carmine Valerio, 41 anni, di Barletta e Francesco Scirpoli, 37 anni di Mattinata.

 

COMMENTI

WORDPRESS: 0