Stato di agitazione dei medici del 118 della Capitanata

Stato di agitazione delle organizzazioni sindacali dei medici dell’emergenza territoriale-118 della provincia di Foggia  - Anaoo, Fimmg-Es, Intesa Si

FOGGIA, mercoledì 8 febbraio 2012 – ORE 20.02 Maltempo, Coldiretti: danni per oltre 20 milioni di euro
Domani incontro aperto sul tema dell’Ecomuseo di Manfredonia
Pro Loco di Manfredonia accoglie i cicloturisti della nave da crociera MS FTI Berlin

Stato di agitazione delle organizzazioni sindacali dei medici dell’emergenza territoriale-118 della provincia di Foggia  – Anaoo, Fimmg-Es, Intesa Sindacale, Smi e Uil –  che denunciano il grave stato di precarietà che si verificherà per i mesi estivi sul Sistema dell’Emergenza Territoriale-118, poiché  i medici si atterranno scrupolosamente all’applicazione del contratto nazionale facendo le ore di servizio previsto dallo stesso. Considerato che il sistema è sottodimensionato come personale, per cui per assicurare la copertura per tutte le 24 h i medici sono chiamati ad enormi sacrifici. Sacrifici che gli stessi  non sono più disposti a sopportare. Questa decisione – ribadiscono i sindacati –  è scaturita durante le assemblee che ogni organizzazione sindacale ha tenuto con i proprio iscritti. “I presenti all’unanimità hanno manifestato tutto il proprio disappunto- dichiara Francesco Marino della FIMMG-ES – a continuare ad avere un comportamento corretto e responsabile con l’Azienda, se poi alle parole e alle promesse della Dirigenza non seguono fatti concreti”. Questa è una situazione che si protrae da circa 3 anni, quando all’allora Dirigenza Aziendale venne la felice idea di azzerare alcune prestazioni in modo unilaterale, previste nell’ Accordo Aziendale, tagliando servizi alla popolazione di Capitanata.  Anche allora furono fatte promesse, vennero date alcune garanzie , sia da parte della Dirigenza Aziendale che dall’allora Assessore Regionale alla Salute: dopo 3 anni i medici aspettano ancora una risposta per la risoluzione dei problemi che attanagliano il settore. I sindacati ribadiscono che il sistema dell’Emergenza Territoriale è sempre più in sofferenza, tanto che anche questi primi mesi dell’anno è continuato l’abbandono del servizio dei medici, che hanno rassegnato le dimissioni, preferendo altri lavori o altre sedi più comode. I Pronto soccorso e i DEA aziendali riescono a coprire i turni di guardia grazie alla disponibilità di parecchi colleghi che rinunciando ai loro riposi danno disponibilità a coprire turni nei PS e nei DEA. Il malcontento e la sofferenza  dei medici culmineranno con la proclamazione dello stato di Agitazione e se servirà fino alla programmazione di uno Sciopero degli stessi, cosi come sta succedendo nelle altre province pugliesi, se la Direzione non farà seguire i fatti alle parole.

false

COMMENTI

WORDPRESS: 0