Fondazione antiusura: Puglia malata di gioco d’azzardo

La Fondazione antiusura San Nicola e Santi Medici di Bari che da 25 anni opera sul territorio per sconfiggere la piaga dell’usura, ha presentato oggi

METEO, IN ARRIVO ALTRO FREDDO
RICCARDI SPENDE 42mila EURO PER IL PIANO DI RIENTRO
Molestie, minacce e appostamenti: arrestato stalker a Manfredonia

La Fondazione antiusura San Nicola e Santi Medici di Bari che da 25 anni opera sul territorio per sconfiggere la piaga dell’usura, ha presentato oggi il bilancio consuntivo 2018 e preventivo 2019.
«Dal punto di vista dell’impegno della Fondazione – ha detto il vice presidente della Fondazione Paolo Vitti – in un profondo stato di crisi economica del territorio sono state 6 le denunce per usura, 450 persone/famiglie ascoltate, 10 pratiche garantite dai Fondi dello Stato per 479 mila euro, 3 pratiche in fase di erogazione per complessivi 165 mila euro e 38 pratiche garantite con Fondi Propri per un totale di 126.473 euro». «E’ chiaro – ha precisato Vitti – che ci spingiamo in maniera evidente nell’attività di educazione alla Legalità continuando ad incoraggiare la denuncia degli usurai, non a caso nel 2018 sono state otto le denunce presentate alle forze dell’ordine tramite la Fondazione». Ma il dato eclatante che emerge dalla lettura dei dati pubblicati dalla Fondazione e sottolineata da Vitti è che «la Puglia è malata di azzardo e che Casamassima per il secondo anno consecutivo è la capitale del gioco d’azzardo con una spesa pro-capite in media che sfiora i 4 mila euro.

Questi dati si riferiscono ai giochi gestiti dall’Amministrazione dei Monopoli di Stato, è come se ciascuno dei 20 mila residenti avesse bruciato più del 20 per cento del proprio reddito annuo, pari a circa 15.900 euro. Un vero record negativo». I dati piazzano la regione al 14esimo posto della classifica nazionale sempre per spesa pro-capite, dopo il Trentino Alto Adige e prima del Piemonte, realtà con un reddito complessivo molto diverso da quello in media pugliese.
«Il paradosso – ha ribadito Vitti – è che nella classifica regionale c’è un piccolo comune, Sammichele di Bari dove le giocate pro-capite sono a quota 2600 euro per il 2018».
«Vogliamo ribadire – ha concluso Vitti – come l’impegno della Fondazione sia quello di attuare un piano di prevenzione e di ascolto sulle problematiche connesse all’usura facendo crescere una mentalità di consapevolezza nei confronti delle proprie singole possibilità economiche. Operiamo costantemente attraverso i nostri centri di ascolto locali che assicurano capillarità al servizio»

COMMENTI

WORDPRESS: 0