Mezzanone, rapina, resistenza, oltraggio e lesioni a p.u.: arrestato 24enne

Nella giornata di ieri,  Agenti della Polizia di Stato del Reparto Volanti e della Sezione Polstrada distaccamento di Cerignola hanno tratto in ar

Macchina incendiata, la solidarietà del Comune al vigile Michele Prencipe
Danneggiata l’autovettura del consigliere di Forza Italia L.Taronna
Incidente stradale in serata sulla S.P.58 Manfredonia – San Giovanni Rotondo. Il sinistro – che ha coinvolto un’autovettura e una motocicletta – è avvenuto sul ponte che devia a sinistra verso la SS89 Garganica direzione Foggia, a destra verso Monte Sant’Angelo e il Gargano. Sul posto i Carabinieri del Comando Compagnia di Manfredonia, i vigili del fuoco del distaccamento locale e 2 ambulanze. Un ferito è stato trasportato con urgenza nell’ospedale di Casa Sollievo della Sofferenza.

Nella giornata di ieri,  Agenti della Polizia di Stato del Reparto Volanti e della Sezione Polstrada distaccamento di Cerignola hanno tratto in arresto Ebon Lucky, classe 1995. I Poliziotti mentre svolgevano un servizio di anticaporalato a Borgo Mezzanone, venivano contattati da una signora di 74 anni abitante in un podere lì vicino, la quale dichiarava di essere stata appena derubata del suo telefono cellulare  da un uomo extracomunitario che si era introdotto in casa sua arbitrariamente. L’uomo per impossessarsi del telefono l’aveva spintonata e strattonata.

Gli Agenti intervenivano presso l’abitazione della donna,  unitamente agli Agenti della volante della Questura di Foggia e trovavano l’uomo indicato dalla donna ancora presso il podere della stessa.

Nel momento in cui i poliziotti intraprendevano il controllo, l’uomo si opponeva vivamente, strattonando e spingendo gli operatori e poi colpendoli con calci e pugni agli arti inferiori.

Vista la difficoltà riscontrata il predetto veniva fermato con lo spray urticante.

La perquisizione personale aveva esito positivo in quanto addosso all’uomo veniva rinvenuto il telefonino rubato poco prima alla denunciante.

Ebon tratto in arresto per i reati contestati, dopo le formalità di rito, veniva accompagnato presso la locale Casa Circondariale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Il telefonino è stato restituito alla vittima.

COMMENTI

WORDPRESS: 0