TARONNA (LEGA): “LETTERA APERTA AI CITTADINI DI MANFREDONIA”

LETTERA APERTA AI CITTADINI DI MANFREDONIA: #rialziAmoManfredonia con un quotidiano impegno sociale e politico      

VERSO IL TUTTO ESAURITO PER MANFREDONIA-UNITED SLY
Diabete, scandalo Freestyle: la striscia per misurare glicemia, in Puglia costa più che nel resto d’Italia
IL CANOSA PRESENTA RICORSO CONTRO IL 4-3 DEL MANFREDONIA

LETTERA APERTA AI CITTADINI DI MANFREDONIA:

#rialziAmoManfredonia con un quotidiano impegno sociale e politico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Stimato Direttore,

ho riflettuto attentamente circa l’opportunità di scrivere questa “lettera aperta” alla cittadinanza di Manfredonia e in risposta al suo recente editoriale intitolato “Il fallimento di una intera città!”.

La ragione è legata alla possibilità di cadere in facili fraintendimenti e, in questo modo, dare credito ai tanti urlatori che oggi (come nel passato) si affannano nel tentativo di cercare un posto al sole nella politica comunale sipontina.

Tuttavia, proprio perché già prima della mia elezione in Consiglio Comunale ho voluto mettermi a disposizione della nostra intera collettività, senza badare troppo alle “convenienze” politiche, non posso esimermi oggi dal prendere una posizione chiara e netta rispetto alle sue osservazioni.

SI, è la collettività sipontina ad aver fallito. NO, non è solo colpa della politica.

SI, la classe dirigente che ha amministrato fino ad oggi (ma mi permetto di tirare in ballo anche quella che è stata all’opposizione) ha fallito. NO, non possiamo accettare che sia la fine!

Cerco di esprimere in modo ancor più diretto il mio ragionamento: lo spettro del “dissesto finanziario” è dietro l’angolo e, con estremo rammarico, posso affermare che nessuno ha voluto ascoltare il mio invito a predisporre (per tempo, già almeno due anni fa!) un idoneo “piano pluriennale di riequilibrio” che avrebbe potuto evitarlo; il concretizzarsi dell’onta di uno scioglimento del Consiglio Comunale per “infiltrazioni mafiose” appare ogni giorno più realistica.

Fatte queste indispensabili premesse, ritengo sia arrivato il momento di rimettere in moto la macchina della “buona politica”; non la politica delle promesse elettorali, degli accordi sotto banco e del clientelismo.

MANFREDONIA HA BISOGNO dell’impegno sociale (prima ancora che politico) di tutte quelle persone che vogliono creare un FUTURO per i propri figli e per i propri nipoti; è necessario che i disillusi della politica, ma anche chi non ha mai seguito le vicende politiche, prendano coraggio e decidano di impegnarsi in PRIMA PERSONA per crearlo, per dare una ALTERNATIVA autorevole, determinata e “di rottura” col passato.

Per tutte queste ragioni, da alcune settimane, sto personalmente cercando di aggregare un movimento sociale e politico che voglia assumere l’onere di “spalare il letame e le macerie che hanno sporcato e sepolto la nostra amata città”, come ha scritto in chiusura del suo editoriale.

Non so dirle quanti cittadini, politici, associazioni e imprenditori vorranno “mettersi in gioco” e fare “tabula rasa” di quanto di negativo ha creato i risultati che viviamo oggi. Ciò nonostante è indispensabile progettare un nuovo futuro per Manfredonia, e posso garantire che quanti hanno già aderito ed io stesso in prima persona, faremo di tutto affinché il nostro progetto possa crescere e aggregare consensi nel modo più credibile, sano e sostenibile possibile.

 

Leonardo Taronna
Consigliere Comunale
Lega per Salvini Premier

COMMENTI

WORDPRESS: 0