Nella notte più fredda dell'anno, Gargano sommerso di neve

L'ondata di gelo siberiano prima di abbandonare la provincia di Foggia ha scaricato tanta neve sul Gargano, soprattutto sul versante settentrionale d

Esodo estivo 4-5 agosto 2018: controlli e traffico
Vertenza Solage, la FIOM chiede Cigs per stabilimento di Manfredonia
Giornata nazionale della Sicurezza in Mare

L’ondata di gelo siberiano prima di abbandonare la provincia di Foggia ha scaricato tanta neve sul Gargano, soprattutto sul versante settentrionale da Vico a Carpino, da Ischitella a Cagnano, San Nicandro Garganico, da Peschici a Vieste. Accumuli consistenti vengono segnalati a Carpino, Vico e Ischitella come testimonia la foto scattata da Peppino Laganella questa mattina alle 6. Neve e ghiaccio anche a Monte Sant’Angelo, San Giovanni Rotondo e San Marco in Lamis. Fiocchi su Mattinata e Manfredonia. E’ stata la notte più fredda dell’anno con minime da Siberia: -7 a Monte Sant’Angelo, -4 a Manfredonia, Vieste e Peschici. I sindaci di quasi tutti i comuni garganici hanno ordinato anche per oggi la chiusura delle scuole e invitato la gente a limitare le uscite, soprattutto in auto. Disagi sulle strade provinciali e su quelle comunali. I mezzi spargisale e spazzaneve si sono da poco messi in azione per garantire la viabilità almeno sulle arterie principali . Sulla litoranea che da Rodi conduce a Peschici sono caduti alcuni alberi. Situazione critica a Rodi Garganico, Carpino e Ischitella dove in alcuni punti la neve ha raggiunto i 50 centimetri. Gli uomini della Protezione civile hanno chiesto aiuti, e anche i sindaci di questi comuni chiedono al coordinamento provinciale della Protezione civile di inviare squadre da altri centri della provincia per ripulire i centri abitati. In tilt il trasporto pubblico.

false

COMMENTI

WORDPRESS: 0