AV Bari-Napoli. Piemontese: “Il baffo del bivio Cervaro serve per merci; serve mobilitazione”

Il baffo ferroviario del bivio Cervaro è stato progettato per il transito delle merci e deve essere utilizzato esclusivamente per questo. Se ne faccia

Terremoto 2.5 sulla costa garganica
Written in Italy a Sydney: mostra itinerante internazionale della letteratura italiana, c’è Manfredonia
L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE INCONTRI TUTTI GLI LSU, NESSUNO ESCLUSO!

Il baffo ferroviario del bivio Cervaro è stato progettato per il transito delle merci e deve essere utilizzato esclusivamente per questo. Se ne facciano capaci a Roma e Bari”. Così Raffaele Piemontese, segretario provinciale del PD foggiano, commenta “notizie di stampa e indiscrezioni tecnico-istituzionali che fanno temere una manovra di RFI per collegare il capoluogo pugliese a quello campano saltando Foggia”.

“E’ un’ipotesi inaccettabile! – continua Piemontese – Lo è sotto il profilo tecnico, perché questa modifica al percorso originario è stata apportata, dopo il tragico incidente di Viareggio, esclusivamente per ragioni di sicurezza della popolazione. Lo è sotto il profilo istituzionale, perché il suo utilizzo esclusivo per le merci è scritto nero su bianco nel contratto sottoscritto tra Comune di Foggia, Regione Puglia e Rete Ferroviaria Italiana.

Ora non si possono cambiare le carte in tavola per ottenere chissà quali vantaggi finanziari da parte di RFI o per omaggiare chissà quali interessi economici baresi.

E’ necessaria una mobilitazione istituzionale e politica. Per questo ho invitato i parlamentari del PD ad agire per ottenere informazioni e chiarimenti dal Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture. L’obiettivo condiviso è l’organizzazione di un incontro con RFI e Regione Puglia per comprendere le eventuali evoluzioni della progettazione e far valere le ragioni di Foggia e della Capitanata.

Chiederò anche al segretario regionale del PD e candidato alla Presidenza della Regione Puglia Michele Emiliano di essere al nostro fianco in questo delicato passaggio istituzionale – conclude Raffaele Piemontese – affinché la comunità foggiana non sia discriminata e marginalizzata in una programmazione così strategica per la mobilità di persone e merci”.
false

COMMENTI

WORDPRESS: 0