Atlantide, marijuana su natante, nipote 22enne ai domiciliari

Sostituzione della misura cautelare in carcere con i domiciliari” per Matteo Castriotta, cl. ’89 incensurato, arrestato il 13.11.2012 con Micheleanton

Aperture centri commerciali «Sciopero 25 aprile e 1 maggio»
Patto Puglia, riunita la cabina di regia. "La Capitanata non può più attendere"
Volo Foggia-Milano: 281 euro andata e ritorno

Sostituzione della misura cautelare in carcere con i domiciliari” per Matteo Castriotta, cl. ’89 incensurato, arrestato il 13.11.2012 con Micheleantonio Nenna, cl.’55 pregiudicato e il cittadino albanese Guri Bushi cl.1972, pregiudicato, a bordo del peschereccio “Atlantide 1°” nel corso dell’operazione Atlantide del Commissariato di Manfredonia, della Mobile di Foggia, con il supporto operativo della Guardia di Finanza (Compagnia di Manfredonia, con presenza di baschi verdi e unità cinofile e la componente Aeronavale di Manfredonia, Taranto e “Pratica di Mare”). I 3 soggetti erano stati arrestati per “traffico internazionale di sostanza stupefacente e traffico di armi clandestine e da guerra”, avendo “tentato di far pervenire in Italia (attraverso il Porto di Manfredonia) 1.610 chilogrammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana, ed armi classificate clandestine e da guerra corredate di relativo munizionamento”. La sostituzione della misura cautelare è stata disposta il 10.12.2012 dal Tribunale del Riesame di Bari (Presidente La Malfa, giudici Montemurro e Battista), dopo il ricorso del legale di Castriotta avv. Matteo Murgo.
false

COMMENTI

WORDPRESS: 0